Infortunio a scuola: chi ha le colpe?
  • 0 comments

Come bisogna comportarci quando si è vittima di un infortunio a scuola? Vediamo nello specifico il caso.

Uno studente durante l’ora di educazione fisica stava giocando insieme alla sua classe a pallamano, quando improvvisamente è scivolato contro una panchina e si procurato delle lesioni alla bocca. I genitori del minore avevano fatto domanda di risarcimento dei danni alla scuola e al MIUR che è stata rigettata sia dal Tribunale che dalla Corte d’Appello. A questo punto i genitori hanno fatto ricorso in Cassazione.

La Cassazione ha bocciato il ricorso ricordando che “ai fini della configurabilità della responsabilità a carico della scuola ex art 2048 c.c. non è sufficiente il solo fatto di aver incluso nel programma di educazione fisica la disciplina sportiva e fatto svolgere tra gli studenti una gara sportiva, essendo altresì necessario che il danno sia conseguenza del fatto illecito di un altro studente impegnato nella gara e che la scuola non abbia predisposto tutte le misure idonee ad evitare il fatto”.

Per quanto riguarda il risarcimento del danno bisogna valutare da dove provengono le lesioni, nel senso che, bisogna valutare se è successo per un fatto posto in essere da un altro giocatore e se questo ha avuto un comportamento privo di responsabilità civile che sta tra lo stretto legame del gioco e l’evento lesivo. Tale collegamento deve escludersi, secondo la Corte, quando l’atto sia stato compiuto con lo scopo di ledere ovvero con una violenza incompatibile con le caratteristiche concrete del gioco.

Se l’infortunio è capitato durante il normale svolgimento del gioco o se l’atto sia stato compiuto volutamente per ledere un altro compagno. In questo caso si può far domanda di risarcimento dei danni.

La Corte di Cassazione ha ritenuto corretta l’interpretazione della Corte d’appello secondo la quale l’incidente sportivo è avvenuto «per una ragionevole causa fortuita, legata alle fisiologiche modalità di gioco della pallamano» rientrante nell’alea normale di tale attività sportiva.

Share Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *